NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Primo Piano REGIONALI 2024 – Riunito il Centro-Destra, sul tavolo i programmi

REGIONALI 2024 – Riunito il Centro-Destra, sul tavolo i programmi

Ma la Lega non arretra sulla ricandidatura di Solinas

CONDIVIDI

Di Paqujto Farina

CAGLIARI > La coalizione di Centrodestra si è riunita stamattina a Cagliari; al tavolo dei lavori i punti da inserire nel programma.

 

Presenti all’incontro, tenutosi all’hotel Flora, tutte le forze politiche dello schieramento che punta ad essere riconfermato alla guida della Regione: Fratelli d’Italia, Forza Italia, Riformatori, Udc, Lega, PSd’Az, Grande Centro e Idea Sardegna.

 

“Oggi diamo seguito alle indicazioni dello scorso tavolo -ha dichiarato Fausto Piga di Fratelli d’Italia-, ogni forza politica ha individuato un suo rappresentante, partiremo dalle cose fatte, dagli obiettivi raggiunti, ci sarà poi il momento per individuare i grandi temi del prossimo mandato, da condividere con i territori. Sui nomi sta ad altri decidere.”

Sulle voci circolate ieri sul possibile forfait di Lega-PSd’Az Piga ha chiosato: “non abbiamo mai avuto dubbi che sarebbero venuti, l’obiettivo è tenere la coalizione unita e se si continuerà così ne guadagnerà la Sardegna.”

 

È stato il delegato del Carroccio, Ivan Cermelli, a esplicare il senso della loro partecipazione ai lavori programmatici.

“Era importante esserci -ha detto- noi abbiamo sempre lavorato per tenere la coalizione unita.”

 

La Lega è stata l’unica forza che stamane si è esposta sul nome del candidato alla presidenza, riconfermando quella che è la linea dettata nei giorni scorsi del leader Matteo Salvini: “Bisogna ripartire con Christian Solinas, per noi la squadra vincente non si cambia; Solinas è il nostro candidato.”

Cermelli ha aggiunto poi una considerazione sui 5 anni trascorsi alla guida della Regione: “Si può dire che due anni e mezzo di legislatura sono andati via con l’emergenza Covid, ripartiremo dalle cose che avevamo programmato e che non sono state concluse, soprattutto sulla sanità».

 

Ha usato la dialettica dell’ironia politica invece Antonello Peru.

 

“Noi abbiamo le idee chiare, perché in questi giorni siamo diventati più numerosi ma anche molto più rumorosi” -ha detto il coordinatore del Grande Centro, facendo riferimento alla tagliente dichiarazione di Christian Solinas che dai quotidiani aveva etichettato gli oppositori interni alla sua riconferma come “una minoranza più rumorosa che numerosa”.

 

 

Copyright © New Sarde

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti