NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home PoliticaNotizie politica regionale Sardegna Sanità: Usb, Solinas dichiari stato di emergenza nell’Isola. Presidio a Cagliari con richiesta dimissioni Nieddu,”ha fallito”

Sanità: Usb, Solinas dichiari stato di emergenza nell’Isola. Presidio a Cagliari con richiesta dimissioni Nieddu,”ha fallito”

CONDIVIDI

Per garantire il diritto alla salute e alle cure servono più assunzioni, stabilizzazioni, internalizzazioni dei servizi, scorrimento delle graduatorie e potenziamento degli ospedali pubblici.

Ne è sicuro il sindacato di Base Usb che questa mattina è sceso in piazza davanti all’assessorato della Sanità a Cagliari per una manifestazione di protesta nella quale ha anche chiesto al governatore Solinas di “dichiarare lo stato di emergenza sanitario regionale, per mettere in campo le Forze armate e la Croce rossa e fare fronte alle visite ordinarie e straordinarie”.

“La sanità sarda è in corto circuito – ha osservato Gianfranco Angioni in una improvvisata conferenza stampa – per questo motivo chiediamo un passo indietro all’assessore Nieddu, perché il suo è stato un completo fallimento”.

“La carenza di personale si ripercuote sulla mancata assistenza e il problema delle mancate cure, liste attesa, sulle continue aggressioni verso il personale negli ospedali e nei pronto soccorso – aggiunge – basti pensare che in alcuni reparti il rapporto è tra un infermiere per 30 pazienti e un medico per 40 ricoverati. In certe terapie intensive si arriva anche a 4 pazienti per ogni infermiere – prosegue – mentre a Iglesias chiude il pronto soccorso e si verso lo smantellamento della sanità pubblica”.

Da qui la richiesta del sindacato alla Regione perché vengano emanate le linee guida per stabilizzare il personale reclutato con l’emergenza Covid e che ha maturato i 18 mesi. “Poi ci sono quelli che hanno maturato 36 mesi e hanno i requisiti previsti dalla legge Madia – continua Angioni – ma la Regione ha posto il vincolo del 50% idonei. Certo, servono anche risorse economiche: almeno 5 mln di euro” .

Infine un appello perché venga verificata “la legittimità di avere assegnato i posti letto Covid alle diverse strutture non Covid: non ci sono stanze separate, e personale non ha indennità specifiche. Bisogna intervenire”.(ANSA)

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti