NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Notizie Economia Sardegna REGIONE – Nuove volumetrie per gli alberghi, via libera dalla 4^ Commissione

REGIONE – Nuove volumetrie per gli alberghi, via libera dalla 4^ Commissione

GIUSEPE TALANAS (FI): "Soddisfatto del voto, giunto dopo aver ascoltato, nel mese di agosto, tutte le componenti"

CONDIVIDI

Di Paqujto Farina

CAGLIARI > Nuove volumetrie per gli alberghi, via libera dalla Commissione Urbanistica.

 

“Sono soddisfatto perché abbiamo ascoltato tutti i portatori di interesse e di opinioni anche divergenti – ha dichiarato il presidente della Commissione Urbanistica, il Consigliere regionale Giuseppe Talanas (Forza Italia).

“Lo abbiamo fatto ad agosto, con un voto alla fine favorevole all’incremento e a determinate condizioni molto chiare.

Ora sarà l’Aula a prendere la decisione finale”.

 

I nuovi alberghi a cinque stelle potrebbero quindi ricevere un incremento volumetrico del 25 per cento e anche quelli già esistenti potranno ricevere un incremento del 15 per cento, senza aumento dei posti letto.

 

E’ in sintesi la previsione dell’emendamento discusso dal parlamentino e Collegato alla Finanziaria, approvato a maggioranza questa mattina dalla 4^ Commissione, con il voto contrario delle opposizioni.

 

Il voto è avvenuto al termine delle audizioni in programma.

 

L’Anci, assente, ha inviato una nota mentre pareri positivi sono giunti dall’Ance con presidente Pierpaolo Tilocca che ha sottolineato comunque “la necessità della modifica della legge urbanistica nel suo complesso e di un progetto di sviluppo condiviso per le zone interne e per quelle costiere”.

 

Il numero uno dei costruttori edili ha ricordato che “la legge sul 110 per cento ha generato un giro d’affari in Sardegna per 2,4 miliardi di euro e questo ci dice che non dobbiamo avere paura di affrontare il tema della rigenerazione urbana o addirittura quello della sostituzione urbana”.

 

L’Ordine del geologi con il suo presidente Davide Bonesu e il vice Cataldo Cannillo ha posto il tema del rispetto del Piano di assetto idrogeologico davanti a nuove edificazioni mentre la Rete delle professioni (che in Sardegna conta circa 20 mila iscritti) con il suo presidente Federico Miscali ha ribadito la necessità della “riscrittura della legge urbanistica, una provvedimento che non potrà essere adottato in questa legislatura ormai alla fine”.

 

Viceversa, dal “Gruppo di intervento giuridico” è giunto un parere negativo.

 

Così come Legambiente per voce del suo presidente, Vincenzo Tiana, che si è detto contrario e ha espresso la “necessità della copianificazione per raggiungere gli obiettivi indicati da questo emendamento.

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti