NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Dai Comuni BITTI – Premio nazionale “In/Architettura” agli artisti di Terra Pintada

BITTI – Premio nazionale “In/Architettura” agli artisti di Terra Pintada

L'opera di Robert Carzedda è stata realizzata nel comune di Villanovaforru

CONDIVIDI

Di Paqujto Farina

CAGLIARI > Presso la sede della Fondazione Sardegna, l’associazione Istituto Nazionale di Architettura ha consegnato i riconoscimenti del premio “In/Architettura” 2023.

 

Nella categoria “nuova costruzione” è stata premiata “Umbra Noa”, opera del ceramista Robert Carzedda del laboratorio artistico Terra Pintada di Bitti in collaborazione con il maestro carpentiere Giovanni Pinna.

 

Realizzata nel comune di Villanovaforru, su un progetto dell’architetto Roberto Virdis, era in concorso insieme ad altre 45 provenienti dalla Sardegna, selezionate con altre 1200 a livello nazionale, nel bando promosso da Inarch e ANCE con Archilovers.

 

Il riconoscimento si inserisce nella lunga tradizione dei Premi IN/Arch che hanno come obiettivo prioritario quello di promuovere – con il coinvolgimento di una vasta gamma di interessi culturali, civili, professionali ed economici – il valore dell’opera costruita intesa come esito della partecipazione di soggetti diversi: dal committente agli imprenditori, ai produttori di componenti, ai progettisti.

 

“Umbra Noa” è un interessante esempio di architettura di qualità a piccola scala -si legge nella motivazione del premio- perché affronta un tema tipicamente mediterraneo; quello dell’ombra che non rinuncia all’aria, costruendo un dispositivo climatico con economia di mezzi e attitudine sperimentale.

Separate dalla dimensione domestica, ombra ed aria diventano un’occasione per la riqualificazione dello spazio pubblico.

Rivisitando elementi arcaici in chiave contemporanea il progetto propone un disegno basato sull’alternarsi della presenza e dell’assenza della luce, che gioca con il colore della terra.

Lavorando di concerto con la produzione artigianale con spirito innovativo, il progetto formula un’alternativa convincente alla tendenza dilagante alla normalizzazione dell’edilizia e dell’architettura”.

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti