NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Dai Comuni BITTI – Cinema Ariston, “We are Shardana” inaugura stagione cinematografica 2023/24

BITTI – Cinema Ariston, “We are Shardana” inaugura stagione cinematografica 2023/24

La casa di produzioni Sunfilms lo presenterà alla presenza del regista Christian Canderan e dell’autrice Chiara Errico.

CONDIVIDI

BITTI > La Sardegna come mai è stata raccontata finora in un docufilm intitolato We are Shardana aprirà la stagione del Cinema Ariston, venerdì 10 novembre alle 20,15.

La casa di produzioni Sunfilms lo presenterà alla presenza del regista Christian Canderan e dell’autrice Chiara Errico.

 

La formula dell’evento è sempre la stessa, molto apprezzata dall’attento pubblico dello storico cine teatro di Bitti, importante presidio culturale del territorio: proiezione e a seguire dibattito con gli autori.

 

We are Shardana è interpretato da Andrea Fornalè (Paolo) e da Elisa Pistis (Maria Carmen).

Il fil rouge narrativo è il viaggio di ricerca per la tesi di laurea di Paolo, un viaggio sull’isola nuragica che prenderà una piega inaspettata quando il giovane incontrerà Maria Carmen.

 

We are Shardana permette di conoscere e/o riscoprire alcune creature leggendarie, sia sarde sia appartenenti ad altre antiche culture, europee, mediorientali e del nord Africa e di ammirare nel buio della sala cinematografica luoghi incredibili e suggestivi che si alterneranno a momenti onirici, apparizioni e flashback.

Il soggetto è scaturito dai ricordi d’infanzia dell’autrice, Chiara Errico.

Giochi, divertimenti, le creature protagoniste delle favole e dei racconti del folklore friulano, veneto e sardo, che i nonni spesso narravano ai propri nipoti.

Fate, giganti, spiriti malevoli rappresentavano l’emergere della coscienza umana su fenomeni che non potevano essere spiegati.

 

In passato, prima dell’evoluzione della qualità della vita, gli esseri umani vivevano in stretto contatto con la natura e la loro sensibilità favoriva una silenziosa convivenza con quelle particolari creature.

Tutto era più semplice e tranquillo ora invece, la frenesia del mondo moderno ha avvolto i nostri sensi, costringendoci in uno stato di perenne premura.

Grazie a Maria Carmen e alle sue narrazioni, il protagonista del film, Paolo, riprenderà sempre più consapevolezza delle emozioni e delle sensazioni che negli anni aveva lasciato nel dimenticatoio.

La scelta di includere il folklore sardo nella ricerca è motivata dalla volontà di far conoscere un lato dell’identità della Sardegna poco nota, cercando di sfatare gli stereotipi che l’hanno caratterizzata nel corso del tempo.

 

Con dispiacere la realtà sarda viene spesso semplificata in termini di movida, spiagge, banditismo e porcheddu da persone che non hanno una reale conoscenza del territorio e che vengono influenzate da una comunicazione superficiale.

Purtroppo questa generalizzazione nel corso degli anni non ha subito un cambiamento radicale, rimanendo ancora un enorme ostacolo che impedisce di scoprire le meraviglie dell’Isola, che sono legate soprattutto alla storia e al sottile filo del mistero.

 

We are Shardana”, a modo suo, desidera stuzzicare la curiosità per contrastare questo enorme pregiudizio e permettere a tutti di apprezzare la Sardegna a pieno.

 

Diverse le location del territorio che hanno fatto da sfondo ad alcuni ciak, come gli scavi archeologici di Romanzesu di Bitti e Su Tempiesu di Orune.

 

Il docufilm è stato realizzato con il contributo della Fondazione Sardegna Film Commission, il Fondo Regionale per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia e la collaborazione di Film Commission Bologna – Cineteca di Bologna.

 

 

Copyright © New Sarde

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti