NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Notizie Ambiente Sardegna In Sardegna otto aree idonee per il deposito nucleare

In Sardegna otto aree idonee per il deposito nucleare

CONDIVIDI

Solinas: La Sardegna ha già detto no

 

Ci sono anche otto aree della Sardegna nell’elenco pubblicato oggi dei siti idonei per il deposito nazionale delle scorie nucleari, contenuto nella Carta Nazionale delle Aree Idonee (Cnai).

 

Si tratta di OR-60 Oristano: Albagiara, Assolo, Usellus.

OR-61 Oristano: Albagiara, Usellus. SU-31 Sud Sardegna: Mandas, Siurgus Donigala. SU-44 Sud Sardegna: Segariu, Villamar. SU-45 Sud Sardegna: Setzu, Tuili, Turri, Ussaramanna. SU-47 Sud Sardegna: Nurri. SU-73_C Sud Sardegna: Ortacesus. SU-74 Sud Sardegna: Guasila.

 

 

Nel 2021 Sogin aveva pubblicato una prima Carta di 67 aree potenzialmente idonee, la Cnai, basata su 28 criteri di sicurezza fissati dall’Isin, l’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare.

Fra questi criteri si sono la lontananza da zone vulcaniche, sismiche, di faglia e a rischio dissesto, e da insediamenti civili, industriali e militari.

Sono escluse le aree naturali protette, quelle oltre i 700 metri sul livello del mare, a meno di 5 km dalla costa, con presenza di miniere e pozzi di petrolio o gas, di interesse agricolo, archeologico e storico.

E’ richiesta infine la disponibilità di infrastrutture di trasporto.

Su questa prima lista di 67 siti, è stata aperta una consultazione pubblica con gli enti locali e i cittadini interessati.

Al termine di questa, Sogin ha stilato la lista finale dei 51 siti idonei.
SOLINAS, LA SARDEGNA HA GIA’ DETTO NO.

“La Sardegna si è già espressa a suo tempo con un NO che non poteva lasciare spazio a dubbi.

La riproposizione della Sardegna come sede di deposito di rifiuti nucleari, se fosse vero, sarebbe un attacco frontale che la Regione e l’intero Popolo sardo non sono disposti ad accettare”.

Lo dichiara Christian Solinas, presidente della Regione autonoma della Sardegna.

 

“Reagiremo, senza indugio o tentennamenti, con ogni strumento democratico a disposizione.

Sarebbe inaccettabile che si calpestassero esiti referendari e specifiche norme regionali, di cui la Sardegna ha voluto dotarsi per scongiurare inaccettabili forme prevaricatorie come queste.

Prenderò immediati contatti con i vertici del Governo – conclude Solinas – per accertarmi che la leale collaborazione fra istituzioni e la correttezza dei rapporti fra Stato e Regione non sia stata compromessa”.

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti