NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Notizie Economia Sardegna COLDIRETTI – Sardegna ultima in Italia per spesa alimentare

COLDIRETTI – Sardegna ultima in Italia per spesa alimentare

Valore più basso tra le regioni, solo 389 euro al mese

CONDIVIDI

La spesa a tavola delle famiglie campane è del 42% superiore a quella dei sardi con 552 euro al mese a famiglia per il solo acquisto di generi alimentari e bevande analcoliche rispetto agli abitanti della Sardegna che con 389 euro al mese fanno segnare il valore più basso tra le regioni.

 

È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sui consumi delle famiglie nel 2022 che fotografa le abitudini alimentari regionali.

 

“In Italia – spiega l’organizzazione che riunisce gli imprenditori agricoli – la tavola è una componente importante della spesa familiare della quale assorbe in media circa il 18% delle risorse con un valore medio mensile per famiglia di 482 euro al mese, in altre parole meno di un euro su cinque viene speso per mangiare con un deciso aumento dell’incidenza di altre voci di spesa come abitazione, abbigliamento, trasporti e comunicazioni”.

 

Dietro il dato nazionale si nascondono notevoli differenze a livello regionale con i consumi per alimentari e bevande che nel Mezzogiorno assorbono quasi un terzo (31%) della spesa complessiva.

 

Si va dall’importo minimo di 389 euro al mese in Sardegna, ai 445 euro del Trentino Alto Adige, i 454 euro della Puglia, i 457 della Liguria, i 466 dell’Emilia Romagna e del Lazio, i 468 della Lombardia, i 469 del Veneto, i 471 in Friuli Venezia Giulia, i 473 delle Marche, i 481 del Piemonte, i 484 dell’Abruzzo, i 491 della Basilicata e della Toscana, i 492 della Calabria, i 499 dell’Umbria e del Molise, i 511 della Valle d’Aosta, i 546 della Sicilia, fino ai 552 della Campania.

 

Per quanto riguarda le singole voci della spesa alimentare, il 2022 nel carrello delle famiglie italiane, rileva la Coldiretti, ha visto un aumento rispetto all’anno precedente per alcune categorie come la carne, l’olio d’oliva e lo zucchero e dolci, mentre cala quella per frutta e verdura, pane e pasta, pesce, latte e formaggi. La voce più pesante nel carrello delle famiglie resta quella della carne e salumi con 104 euro al mese, davanti a pasta, pizza, pane e cereali (76 euro), mentre al terzo posto si piazza la verdura con 61 euro.

 

Seguono latte formaggi e uova, con 58 euro, e la frutta a 41 euro, poco davanti al pesce (38 euro). In classifica ci sono poi i cibi pronti con 30 euro, lo zucchero e dolci con 21 euro, l’olio d’oliva assieme al burro e gli altri condimenti con 15 euro, oltre a caffè, acqua minerale, bibite.

 

(Ansa)

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti