NEWSARDE.IT Il quotidiano online della Sardegna

Logo Newsarde
Home Notizie Cronaca Sardegna Cybercriminali compiono furto da 35 milioni di dollari usando tecnologia di clonazione vocale

Cybercriminali compiono furto da 35 milioni di dollari usando tecnologia di clonazione vocale

CONDIVIDI

MONDO > Sembra la trama di un thriller di fantasia, qualcosa di molto vicino alle vicende di un film di 007. E invece è tutto reale.

Un direttore di banca negli Emirati Arabi Uniti è stato raggirato e convinto a trasferire 35 milioni di dollari dopo aver ricevuto una conferma vocale da una persona che lui pensava fosse il titolare del deposito

Una normale chiamata telefonica, una come tante ricevute dal facoltoso cliente, di quelli da trattare con i guanti e, se possibile, accontentare.

La voce dall’altro capo del telefono era eccitata – ha raccontato il funzionario di banca – perché il suo cliente stava per fare un’importante acquisizione e necessitava di un bonifico, un trasferimento immediato di 35 milioni di dollari.

Il cliente aggiunse che un avvocato di nome Martin Zelner era stato ingaggiato per gestire l’acquisizione, e il manager poteva vedere le e-mail del legale nella sua casella di posta. Aveva riconosciuto la sua voce e tutto quello che aveva detto era confermato.

Il direttore della banca ha autorizzato i trasferimenti bancari, fiducioso che tutto fosse legittimo, ma in realtà, era appena caduto vittima di un’elaborata truffa ad alta tecnologia. La persona con cui aveva parlato al telefono aveva usato la tecnologia AI “deepvoice” per clonare la voce del cliente della banca e rendere impossibile per chiunque distinguerla dall’originale.

Non sono state rivelate molte informazioni in questo caso, a parte il fatto che le autorità degli Emirati Arabi Uniti credono che l’elaborato schema abbia coinvolto almeno 17 persone e che il denaro sia stato inviato a conti in tutto il mondo, per renderlo difficile da rintracciare e recuperare.

Si tratterebbe del secondo caso conosciuto di una rapina in banca che coinvolge la tecnologia deepvoice, con il primo avvenuto nel 2019, ma gli esperti di criminalità informatica avvertono che questo è solo l’inizio. Sia i video deepfake che le tecnologie deepvoice si sono evoluti a un ritmo sorprendente, e i criminali sono destinati a trarne vantaggio.

CONDIVIDI

Cerca

Articoli recenti